Statuti


SOCIETÀ EDITORI DELLA SVIZZERA ITALIANA

 

 

1. DENOMINAZIONE DELLA SOCIETÀ E SEDE

 

La società degli editori della Svizzera italiana, denominata in seguito “società”, è un’associazione senza scopo lucrativo ai sensi dell’articolo 60 e seguenti del codice civile svizzero. La sede della società è presso il domicilio del proprio segretario.

 

2. SCOPI

 

La società si propone:

 

a) a favorire la cultura della Svizzera italiana e diffondere il gusto della lettura del libro;

 

b) di organizzare e sviluppare armoniosamente il commercio del libro;

 

c) di definire gli interessi professionali e morali dei soci, sviluppando fra loro buone relazioni di collegialità;

 

d) di aiutare a definire i rapporti tra autore e editore;

 

e) di mantenere e sviluppare i rapporti con altre associazioni interessate alla diffusione del libro, collaborando in particolare con lo Schweizerischer Buchhändler - und Verleger-Verein (SBVV) e la Société des Libraires et Editeurs de la Suisse Romande (SLESR) per tutti i problemi d’interesse comune e quelli a livello nazionale.

 

3. CATEGORIE DI SOCI

 

a) Attivi - Sono soci attivi gli editori della Svizzera italiana che svolgono regolare attività editoriale nel campo del libro. Le persone giuridiche sono tenute a indicare per iscritto alla società il nome delle persone fisiche autorizzate a rappresentare e ad agire in loro nome in seno alla società.

 

b) Amici - A questa categoria di soci possono accedere quegli editori ticinesi che in passato si sono resi particolarmente meritevoli nel campo dell’editoria, verso la quale mostrano tuttora un vivo interesse, anche senza svolgere regolarmente attività editoriali. Possono inoltre accedere persone fisiche o giuridiche che, pur non adempiendo le esigenze previste dall’art. 4 per essere accolti quali membri attivi svolgono in ogni modo un’attività editoriale.

Questi soci saranno tenuti a versare una tassa simbolica, che potrà essere fissata caso per caso dall’assemblea, e non hanno diritto di voto.

 

c) D’onore - L’assemblea generale ha la facoltà di nominare soci d’onore quelle persone che hanno reso importanti servizi alla società.

 

d) Corrispondenti - L’assemblea generale può assegnare il titolo di socio corrispondente a persone residenti all’estero, che servono o onorano la causa dell’editoria svizzera in lingua italiana.

 

 

4. CONDIZIONI DI AMMISSIONE

 

Ai soci attivi è richiesta:

 

a) una buona reputazione;

 

b) l’iscrizione al registro di commercio in qualità di editore nel campo librario. Sono pure considerate alla stessa stregua le Fondazioni, le Associazioni e gli Enti con scopi analoghi.

 

c) l’impegno scritto di rispettare gli statuti e i regolamenti della società, le decisioni del comitato e dell’assemblea;

 

d) il pagamento della quota annuale decisa dell’assemblea;

 

e) l’avvenuta pubblicazione in proprio di almeno tre volumi negli ultimi tre anni, comprese le riedizioni.

A questa disposizione potrà essere concessa una deroga, da parte del comitato, purché il socio manifesti sempre un vivo interesse diretto all’editoria.

 

 

 

5. PROCEDURA D’AMMISSIONE

 

Ogni candidatura deve essere indirizzata per iscritto al segretariato della società, il quale la sottoporrà all’esame del comitato. Il comitato comunicherà la sua decisione al candidato per iscritto, e non è tenuto a motivare un eventuale rifiuto.

 

 

6. LITIGI

 

Se un litigio fra soci verte su una questione d’ordine professionale, le parti in causa sono tenute a investirne il comitato mediante lettera raccomandata, prima di ogni ricorso a un tribunale.

Il comitato, dopo aver ascoltato le parti, avvierà una procedura di conciliazione. Qualora questa procedura dovesse fallire, le parti potranno appellarsi a un tribunale.

 

 

 

7. SANZIONI

 

I soci che violano gli impegni presi all’atto dell’ammissione o non rispettano le decisioni prese dall’assemblea, sono passibili di un’ammonizione o di una multa da Fr.50.- a Fr.1000.- .

In caso recidivo, tale ammenda può essere portata a Fr. 2000.- . Le sanzioni sono pronunciate dal comitato che darà tuttavia la possibilità agli interessati di essere ascoltati preventivamente. Ogni eventuale ricorso contro la decisione del comitato potrà essere formulato dal socio alla commissione di ricorso.

Qualora il socio punito non pagasse entro il termine l’ammenda fissata dalla commissione di ricorso, il comitato è autorizzato a pronunciarne l’espulsione.

L’espulsione non annulla la procedura d’incasso dell’ammenda, che andrà a beneficio della cassa sociale.

 

8. PERDITA DELLA QUALITÀ DI SOCIO

 

La qualità di socio si perde:

 

a) in seguito a decesso;

 

b) in seguito allo scioglimento dell’azienda editoriale o alla cessazione dell’attività di editore;

 

c) in seguito a dimissioni (valide soltanto alla fine dell’anno civile in corso), con preavviso di sei mesi;

 

d) a causa di espulsione per fallimento, mancato pagamento delle quote sociali, mancato rispetto degli obblighi statutari;

 

e) se viene a mancare una delle condizioni previste agli articoli 3 e 4.

 

9. FINANZE

 

L’esercizio contabile coincide con l’anno civile. Il comitato affida la responsabilità dei conti al proprio cassiere.

 

10. QUOTE ANNUALI E TASSA D’AMMISSIONE

 

I soci attivi pagano una tassa d’ammissione e una quota annua. Gli importi saranno fissati dall’assemblea generale.

 

11. ORGANIZZAZIONE

 

Gli organi della società sono:

 

a) l’assemblea generale;

 

b) il comitato;

 

c) la commissione di ricorso;

 

d) i revisori dei conti.

 

 

 

12. L’ASSEMBLEA GENERALE

 

L’assemblea generale è l’organo supremo della società. I soci sono convocati per iscritto, almeno una settimana prima della riunione. L’assemblea è normalmente presieduta dal presidente (in sua assenza da un componente del comitato stesso) e delibera qualunque sia il numero dei presenti.

I soci attivi e onorari hanno diritto a un voto; i soci amici e corrispondenti non hanno diritto di voto.

Ogni decisione è presa a maggioranza assoluta. In caso di parità decide il voto del presidente.

 

13. ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA

 

L’assemblea generale ordinaria si riunisce, di regola, una volta l’anno, entro il mese di aprile. Ha il compito di esaminare la gestione, di fissare la tassa d’ammissione e la quota sociale, di procedere alle nomine statutarie: presidente, comitato, cassiere-segretario, commissione di ricorso: revisori dei conti.

 

14. ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA

 

L’assemblea generale straordinaria è convocata ogni volta che il comitato lo ritiene necessario o dietro richiesta di almeno cinque soci attivi.

 

15. COMITATO

 

I componenti del comitato sono cinque membri che si riuniscono ogni volta che gli affari della società lo richiedono. La società rimane impegnata mediante la firma collettiva di due componenti del comitato.

Ogni nomina ha la durata di due anni e tutti i soci sono rieleggibili. Tuttavia è prevista, di regola, una rotazione in seno al comitato, nel senso che almeno un membro sia sostituito.

Il comitato organizza il segretariato della società e designa il segretario, che può essere scelto al di fuori dei soci.

 

16. COMMISSIONE DI RICORSO

 

In caso di litigio, ogni parte ha la facoltà di scegliere, fra i soci, un componente della commissione di ricorso, la cui presidenza è offerta a un giudice scelto dal Tribunale d’Appello.

In caso di parità di voti, quello del presidente è determinante.

 

17. REVISIONE DEI CONTI

 

I revisori dei conti sono due e rimangono in carica due anni. Sono tenuti a redigere ogni anno un rapporto scritto sulla gestione, che presentano all’assemblea generale. Uno di loro può essere rieletto.

 

18. SCIOGLIMENTO DELLA SOCIETÀ

 

Lo scioglimento della società può essere deciso in ogni momento da un’assemblea generale convocata espressamente a questo scopo. Tale decisione può essere presa soltanto a maggioranza dei 2/3 dei soci presenti.

L’assemblea generale decide anche in merito alla procedura di liquidazione e alla destinazione dell’eventuale patrimonio.

 

19. ENTRATA IN VIGORE

 

I presenti statuti sono stati adottati dall’assemblea generale straordinaria del 6 febbraio 1973 e sono stati modificati il 15 gennaio 1990 e il 9 marzo 1993.